Riscossione cartelle Ader

L’art. 2 del D.L. 21 ottobre 2021, n. 146 ha stabilito l’estensione dei termini per la riscossione delle cartelle Ader a 150 giorni.

Il 31 agosto 2021 è terminato il periodo di sospensione dell’attività di riscossione previsto dal cd Decreto Sostegni-bis (D.L. n. 73 del 2021). A partire dal 1° settembre 2021, l’Agente della riscossione ha dunque ripreso l’attività di notifica di cartelle, avvisi di addebito e avvisi di accertamento e le ordinarie procedure di riscossione.

Normalmente le cartelle di pagamento, redatte e notificate secondo rito ordinario, hanno al loro interno un’intimazione ad adempiere entro sessanta giorni dall’avvenuta notifica, con l’avvertimento che, in mancanza, l’ente impositore potrà procedere all’esecuzione forzata.

A tale proposito si segnala che il Ministero delle finanze (approvate il 12 ottobre 2021) aveva chiesto al Governo di valutare l’opportunità di procedere ad una estensione a 150 giorni del termine per il pagamento delle cartelle notificate nei mesi successivi la ripresa delle attività di notifica e riscossione.

L’art. 2 del D.L. 21 ottobre 2021, n. 146 ha recepito questo suggerimento e stabilito che:

“Con riferimento alle cartelle di pagamento notificate dall’agente della riscossione dal 1° settembre al 31 dicembre 2021, il termine per l’adempimento dell’obbligo risultante dal ruolo, previsto dall’articolo 25, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, è fissato, ai fini di cui agli articoli 30 e 50, comma 1, dello stesso decreto, in centocinquanta giorni”.

L’agevolazione vale esclusivamente per le cartelle dell’agente della riscossione (Ader).

Quindi, rimangono esclusi gli avvisi di addebito con valore di titolo esecutivo, e gli atti notificati direttamente dagli enti impositori.

Pertanto, per le cartelle di pagamento notificate dall’Agente della riscossione dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021 viene prolungato fino a 150 giorni dalla notifica (rispetto ai 60 giorni ordinariamente previsti), il termine per il relativo pagamento senza l’applicazione di ulteriori somme aggiuntive;

Prima di tale termine, l’Agente della riscossione non potrà dare corso all’attività di recupero del debito iscritto a ruolo.

Sei interessato a ricevere maggiori informazioni?

Articoli correlati

Provare la correttezza del confine di proprietà

Provare la correttezza del confine di proprietà

Provare la correttezza del confine di proprietà In presenza di una condizione di incertezza sul confine, è consentito il ricorso a ogni altro strumento di prova, incluse le risultanze catastali, poiché solo in tal caso nell'indagine diretta all'individuazione della...

leggi tutto